Ti trovi in:  Home news notizia
 

News


NOTIZIA



20-03-2017

Domani la Giornata mondiale della Sindrome di Down

Paolo Ruffini porta “Un grande abbraccio” al Massimo. Allegrino: “Uno spettacolo per tutti, che aiuta a riflettere e sorridere”
Ascolta la notizia

 

Un comico che vuole allestire un varietà con lustrini e paillettes e sei attori che glielo impediscono. Nel mezzo risate, divertimento, coinvolgimento del pubblico, ma anche momenti di riflessione sul valore della vita, dell’amore e delle relazioni umane. Il comico, attore, conduttore è Paolo Ruffini, che insieme agli attori disabili della compagnia teatrale livornese Mayor Von Frinzius salirà domani, 21 marzo, alle ore 21, sul palco del Teatro Massimo di Pescara, in “Un Grande Abbraccio”, lo spettacolo organizzato dall’Assessorato alle Politiche Sociali in occasione della Giornata Mondiale della Sindrome di Down (ingresso libero fino ad esaurimento posti). 


“L’iniziativa rientra  nel progetto “Solidarietà fa Sport” – afferma l'assessore Antonella Allegrino -  una campagna di sensibilizzazione sulle varie forme di disabilità rivolta alla cittadinanza e, in particolar modo, agli studenti della scuole secondarie di primo e secondo grado, coinvolti in una serie di incontri con le associazioni di sport per disabili e che si occupano di disabilità. Invito la cittadinanza a partecipare ad un evento che ci consentirà di trascorre alcune ore in allegria, grazie alla comicità di Ruffini e ai suo compagni di scena, ma anche di pensare a quanto facciamo per essere veramente inclusivi, per rispettare le necessità di chi vive in condizioni di fragilità, per manifestare la nostra solidarietà e vicinanza. Lo spettacolo ha questo titolo perché si conclude con un grande abbraccio, un gesto di grande significato, che trasmette accoglienza, affetto, amore, vicinanza, ma anche un gesto fisico, reale e coinvolgente,  che si contrappone alla realtà virtuale e illusoria delle nuove tecnologie facendoci riscoprire la bellezza dell’incontro con l’altro”.

Lo spettacolo è scritto da Paolo Ruffini e Lamberto Giannini, che ne cura anche la regia.

 

Pescara, 20 marzo 2017







HOME PAGE