Ti trovi in:  Home news notizia
 

News


NOTIZIA



09-09-2019

Riunione vertici Regione e Comune di Pescara per rimodulazione Fondi Masterplan
Ascolta la notizia

 

 


Riprogrammazione e rimodulazione del Masterplan. Questo il tema guida della riunione tenutasi oggi  tra il Sindaco Carlo Masci, il Presidente del Consiglio regionale Lorenzo Sospiri e i dirigenti delle rispettive amministrazioni.

Al tavolo presieduto dal sindaco, hanno partecipato – tra gli altri – i dirigenti regionali dott.ssa Emanuela Grimaldi e Ing. Emidio Primavera, il Segretario Generale del Comune di Pescara, dott.ssa Carla Monaco, il Direttore Generale del Comune Arch. Tommaso Vespasiano e  il Capo di Gabinetto dott. Guido Dezio.

Al centro della discussione, la richiesta da parte dell’Amministrazione Comunale di ulteriori fondi da destinare all’area di Risulta. Il Comune di Pescara ha chiesto infatti che la somma da destinare alle opere da realizzare sull’area venga  rimodulata fino a 20milioni.

Per il sindaco Masci l’area di risulta rappresenta un punto focale dell’azione amministrativa: “Vogliamo far sì che nei prossimi 5 anni questa area svesta definitivamente l’etichetta di area di risulta ma diventi a tutti gli effetti un luogo di grande vivibilità  per la cittadinanza: un luogo dove Parco,  parcheggi e Terminal Bus possano convivere in uno spazio perfettamente integrato e sostenibile. Sarà l’investimento più importante per la città che noi immaginiamo per il futuro prossimo.”

La rimodulazione del Masterplan prevede anche una richiesta fino a 3 milioni per la Realizzazione del Parco Nord in un’ottica di sostenibilità ambientale legata al miglioramento della qualità della vita.  Nella riunione si è discusso anche dei 15 milioni di Fondi ANAS  che saranno utilizzati per il prolungamento dell’asse attrezzato al porto. Per questa ultima opera, il sindaco ha dato Input ai propri uffici affinché rivedano il progetto preliminare per una rigenerazione complessiva di via Andrea Doria e del Lungofiume Sud,  con l’eliminazione dell’attuale barriera ostativa tra banchina e sede stradale e conseguente ideazione di uno spazio fruibile dalla cittadinanza sulla scorta di quanto avviene nelle più belle realtà urbane fluviali europee.










HOME PAGE