Ti trovi in:  Home comune concorsi e bandi area di risulta avvisi e quesiti
 

Concorsi


AVVISI E QUESITI




AVVISI e QUESITI
  

 

Premiazione dei progetti vincitori.

Con determina n.58/BD del 14.10.2004 sono stati approvati gli atti di gara e la graduatoria finale del concorso di progettazione per la riqualificazione urbana delle aree di risulta ex Stazione Centrale di Pescara.

La graduatoria finale è la seguente:

  Motto Nominativo del capogruppo
1 Egina 2004 R.T. Monestiroli arch.ti ass.ti
2 Smarrito nell'attraversamento R.T. arch. Andrea Mammarella
3 Maalia R.T. arch. Ilvi capanna Piscé
Stellium 2004 R.T. arch. Giovanni Vaccarini
5 Le vele R.T. arch. Flavio Branciaroli
6 PSR025 R.T. Labis architettura srl
7 Nastro cinematico R.T. arch. Iodice Giuseppe
8 Parco centrale R.T. ing. Genoese Nicola Giuseppe
9 Excuse me, is this Pescara? R.T. arch. Antonio Draghi
10 Per amore, solo per amore R.T. arch. Vito Coppola
11 Taenia R.T. 3TI Ingegneria Integrata srl
12 Ottomotto R.T. arch. Francesco Sbetti

Il progetto vincitore del 1° premio di € 70.000 è EGINA 2004 redatto dal Raggruppamento Temporaneo:
- Monestiroli Architetti Associati - arch. Tomaso Monestiroli -capogruppo
- arch. Massimo Ferrari
- arch. Marialaura Polignano
- BMS Progetti srl Milano
- SYSTEMATICA spa Milano
- ACTA srl Torino

Il progetto vincitore del 2° premio di € 30.000 è SMARRITO NELL’ATTRAVERSAMENTO redatto dal Raggruppamento Temporaneo:
- arch. Andrea Mammarella – capogruppo
- TECNOCONSUD srl Pescara
- arch. Gaetano Parere
- arch. Giuseppe Tavani
- arch. Alessia Di Gianfilippo

I progetti vincitori del 3° premio di € 20.000 sono:
MAA LIA redatto dal Raggruppamento Temporaneo:
- arch. Ilvi Capanna – capogruppo
- arch. Gennaro Lopez
e STELLIUM 2004 redatto dal Raggruppamento Temporaneo:
- arch. Giovanni Vaccarini – capogruppo
- ing. Enrico Ciampoli
- ing. Claudio De Carlo
- arch. Francesco Nepa
- arch. Marino La Torre

La cerimonia di premiazione dei progetti vincitori si è tenuta il 16 ottobre alle ore 11,00 presso la Sala dei Marmi della Provincia di Pescara. 

L'Assessore all'Urbanistica Tommaso Di Biase ha dichiarato:

"Esprimo viva soddisfazione per la conclusione della procedura concorsuale, per l’alto interesse che il concorso ha suscitato e per la qualità dei progetti partecipanti, che ci hanno dato la possibilità di avere un’ampia scelta per il migliore progetto di sistemazione di un’area strategica per la città di Pescara.
Prendo atto, inoltre, che la procedura seguita è chiara, trasparente e regolare e che il progetto vincitore fondato sull’idea della realizzazione di un bosco mediterraneo nel cuore della città metropolitana sia idea pienamente corrispondente, non solo alle indicazioni del bando, ma soprattutto al sentimento che la città da tempo ha espresso sul destino di questa area"
 

-----

MODIFICATA LA COMPOSIZIONE DELLA COMMISSIONE GIUDICATRICE

Per sopraggiunte necessità legate ad impegni istituzionali il Sindaco Dott. Luciano D'Alfonso e l'Assessore all'Urbanistica Arch. Tommaso Di Biase non potranno partecipare ai lavori della Commissione e pertanto sono stati sostituiti.
Alla pagina della Commissione è riportata la nuova composizione.

-----

Si sono iscritti al concorso n.68 professionisti/gruppi, mentre sono pervenuti complessivamente n.42 plichi.

 

Proroga termine presentazione progetti

La scadenza per la presentazione dei progetti è stata prorogata al giorno 2 luglio 2004, mentre il termine per l'arrivo dei plichi spediti, via posta o corriere, è fissato al 6 luglio 2004.


Tavole progettuali

Sono pervenuti alcuni quesiti circa la modificabilità degli schemi delle n.4 tavole progettuali.
Ribadiamo la non modificabilità del numero e degli schemi delle tavole formato A0. Comunque è consentito accompagnare la relazione con n.2 tavole formato A3 in b/n o a colori, di composizione libera, che esplicitino le idee progettuali. Di dette tavole, se presentate, va fornita anche la versione in formato digitale.


Posticipo termine presentazione quesiti

Il termine per la presentazione dei quesiti è stato posticipato al giorno
30 aprile. Le risposte verranno date entro il giorno 7 maggio.




- QUESITI -

QUESITI FORMULATI IN SEDE DI INCONTRO CON I PARTECIPANTI

In sede di incontro e visita guidata all’area, svoltosi il 06/04 u.s., sono stati sollevati da parte dei partecipanti vari argomenti.
In esito alle richieste formulate la documentazione allegata al bando è stata integrata: “documentazione integrativa (21 aprile 2004)”.
Nello specifico dei vari argomenti si forniscono le seguenti ulteriori indicazioni.

• EDIFICIO EX FERRHOTEL. L’edificio è classificato nel vigente P.R.G. nella Zona A “Complessi ed edifici storici”, sottozona A2, ed il riferimento per tale sottozona è l’art. 29 delle N.T.A., in particolare il comma 11 che prevede quali interventi possibili quelli di manutenzione ordinaria e straordinaria, restauro e risanamento igienico e ristrutturazione edilizia parziale, di cui alle lettere a), b), c,) e d) – quest’ultima con limitazioni - dell’art. 3 del D.P.R. n.380/2001, T.U. Edilizia. Consigliamo di attenersi alle prescrizioni delle N.T.A., in particolare evitando per la ristrutturazione edilizia la modalità della demolizione e ricostruzione. Le N.T.A. sono consultabili al sito del Comune di Pescara, www.comune.pescara.it, alle pagine del P.R.G.

• ELABORATI P.U.M.. Si rinvia alla relazione ed alle tavole specificando che per quanto riguarda il numero dei posti auto da prevedere nei parcheggi vale quanto richiesto dal bando: da circa 2.000 a circa 3.000, rinviando la definizione esatta del numero alle singole scelte progettuali ed ai relativi studi economici.

• PIANO TERRA STAZIONE CENTRALE E RILEVATO FERROVIARIO. Si conferma quanto detto in sede di incontro sulla possibilità di verificare, sia dal punto di vista economico che progettuale, il recupero (attraverso acquisizione o affitto) degli spazi non utilizzati del piano terra e/o il recupero dello stesso rilevato ferroviario a sud della stazione ferroviaria.

• VINCOLO EX L. N.1089/1939. Il decreto va sicuramente rispettato per quanto riguarda gli edifici rimasti: il corpo centrale dell’ex Stazione Ferroviaria e l’edificio dei serbatoi. Gli altri edifici a cui si fa riferimento nel decreto, corpi laterali della stazione e magazzini, sono stati demoliti. L’ex Stazione Ferroviaria è attualmente concessa all’I.C.R.A. “International Centre for Relativistic Astrophysics” che ne ha fatto una sua sede operativa ed amministrativa. In linea con quanto previsto dal bando e dal documento preliminare è ipotizzabile la sua destinazione ad “urban center”, punto di accoglienza di chi arriva in città. L’edificio con i serbatoi è stato di recente concesso alla Fondazione CARIPE di Pescara che lo restaurerà e lo trasformerà in un ufficio-punto di informazioni rivolto ai giovani. Pertanto è ipotizzabile in sede progettuale la conferma di tale destinazione. Mentre per quanto riguarda l’area si ribadisce la libertà di scelta dei progettisti, anche quella di edificazione di tutta o parte dell’area vincolata o di inedificazione, in quanto le destinazioni d’uso pubbliche previste nel decreto di vincolo sono conformi a quelle del bando.

• AREA PRIVATA – COMPARTO DI P.R.G. 1.05. Si conferma l’inserimento nell’area di progetto e nel fornire la scheda–norma allegata alle N.T.A. del P.R.G., considerate le modeste dimensioni, si indica ampia libertà di intervento, anche in deroga al P.R.G.

• Il livello di approfondimento tecnico degli elaborati progettuali è quello di una progettazione preliminare, anche se non sono richiesti tutti gli elaborati che compongono un progetto preliminare ma solo alcune tavole e con una precisa indicazione tecnico-grafica. In sede di incarico si completerà la documentazione per il progetto preliminare.

• Lo studio economico finanziario comprenderà oltre ai costi delle opere anche indicazioni circa le modalità realizzative delle opere che coinvolgano risorse ed organizzazioni pubbliche e/o private (finanza di progetto, STU, ecc.) anche in rerlazione all’entità ed alla qualità dei servizi erogati in fase di esercizio.

• In linea con quanto previsto dal bando e dal documento preliminare si conferma il ruolo fondamentale dell’edificio della Biblioteca-Mediateca quale elemento caratterizzante il grande parco urbano, nuovo luogo rappresentativo della città. Edificio pensato non solo come luogo della lettura ma anche caratterizzato da funzioni di interporto della cultura: mediateca, internet-caffè, spazi per eventi, piccolo auditorium, caffetteria, ecc.. Per la sua realizzazione l’Ente Provincia prevede un contributo pari a otto milioni di euro. Per le caratteristiche dimensionali si rinvia alla scheda allegata al documento preliminare.

• Il Parco pubblico, che deve avere una superficie non inferiore all’ottanta per cento dell’area di proprietà comunale, deve avere caratteristiche di verde attrezzato per attività legate al tempo libero, allo svago ed al consumo culturale (spettacoli all’aperto). Vanno anche considerati gli altri obiettivi che ci si prefigge dal parco: che sia il luogo dei punti di vista del paesaggio urbano e delle architetture, nonché che abbia consistenza vegetazionale tale da produrre un sensibile abbattimento delle polveri e di produrre benessere ambientale.



Quesito n.1  -  Fino a che data e' possibile iscriversi?

Il termine per effettuare l'iscrizione al concorso non è stabilito in quanto la scadenza da rispettare è quella del 2 luglio 2004 data ultima per la presentazione delle proposte progettuali. L'iscrizione tramite la compilazione della apposita SCHEDA DI ISCRIZIONE è comunque necessaria per poter partecipare e, unitamente al versamento della quota di iscrizione, dà diritto al ritiro della documentazione completa del concorso.



Quesito n.2  -  La mancata partecipazione alla conferenza sull'area d'intervento preclude l'iscrizione al concorso?

No. La non partecipazione alla conferenza e visita guidata del giorno 6 aprile non preclude l'iscrizione al concorso.



Quesito n.3  -  La pre-impostazione delle tavole contenute all'interno del CD-ROM del concorso può essere variata in base ad esigenze inerenti alla impaginazione ed alle caratteristiche del progetto?

No, non è possibile modificare l'impostazione delle tavole.



Quesito n.4  -  Nel caso di gruppi di lavoro ancora in via di definizione, il soggetto sottoscrivente la scheda di iscrizione deve obbligatoriamente coincidere con il futuro capogruppo?

No. Colui che effettua l'iscrizione può non coincidere con il capogruppo, ma è necessario che almeno un componente di ciascun gruppo di progettazione sia iscritto al concorso.



Quesito n.5  -  Il livello degli strati acquiferi dati è in relazione alla superficie del sito (2,50 - 3,00 al di sotto) o sono solo dati assoluti? (6,00 metri al di sotto del livello del sito).

Le quote delle infiltrazioni d'acqua riportate nei sondaggi sono valori relativi riferiti alla quota del punto di sondaggio. Esempio: il sondaggio n.1, effettuato su un punto del terreno che si trova a quota +4,48 sul livello del mare, rileva le infiltrazioni d'acqua a -11 metri da tale punto, cioè a -6,52 metri sul livello del mare.



Quesito n.6  -  Quale aumento dei volumi/anno è da considerare per la progettazione della biblioteca?

Attualmente circa 3500 volumi/anno.



Quesito n.7  -  La consegna degli elaborati può avvenire tramite corriere espresso? Se si, fa fede il timbro del corriere?

Si, La spedizione dei plichi può avvenire sia tramite Poste Italiane che con corriere privato. Importante è rispettare la data e l'ora di spedizione ed il termine di arrivo previsto.



Quesito n.8  -  Il motto ha una precisa composizione in lettere e numeri?

No, la composizione è libera, raccomandiamo comunque di non eccedere nel numero di caratteri.



Quesito n.9  -  Il sistema di viabilità di cui all'allegato 7.1. del documento preliminare, costituisce soluzione al contorno soggetta a possibili variazioni?

E' possibile prevedere soluzioni alternative. Nella documentazione integrativa abbiamo inserito la relazione del P.U.M. e le tavole di inquadramento generale.



Quesito n.10  -  Il peso dell'analisi economico-finanziaria ed il livello di approfondimento della stessa costituiscono vincoli di prioritaria importanza?

Lo studio economico-finanziario, con l'individuazione degli strumenti di finanza innovativa (finanza di progetto, STU, ecc.) per la realizzazione e la gestione degli interventi previsti nel progetto, viene considerato ai fini della valutazione delle proposte progettuali in quanto costituisce specifico elemento qualitativo a cui sono assegnati massimo 10 punti. La consistenza di tale studio deve rientrare nel massimo di 25.000 battute previste per la relazione.



Quesito n.11  -  Sono disponibili dati climatici della zona come: venti dominanti, temperature, ecc.?

Al momento non abbiamo a disposizione dati climatici della zona. Se saranno disponibili in tempi utili verranno comunicati.



Quesito n.12  -  Il vincolo di inedificabilità dell'area prospiciente la vecchia stazione è valido anche nel caso in cui si voglia costruire sotto terra, oppure progettando strutture leggere, tipo pensiline o altro, sull'area interessata?

E' sicuramente possibile prevedere strutture interrate come anche strutture leggere in elevato.



Quesito n.13  -  E' possibile modificare il perimetro dell'area di pertinenza del nuovo Ferrohotel, senza andare a modificare l'edificio?

No, non è possibile modificare l'area di pertinenza del nuovo Ferrhotel, ubicato su via Michelangelo.



Quesito n.14  -  Il concorso è aperto a chi non è della comunità europea? Oppure è un requisito indispensabile per partecipare?

Ai sensi degli art. 3 e 5 del bando di concorso la partecipazione è aperta ai cittadini dei paesi membri dell'Unione Europea in possesso dei requisiti specifici richiesti. In base agli accordi internazionali di scambio di beni e servizi, la partecipazione viene estesa, come recita il titolo stesso del concorso, ai cittadini dei paesi del continente europeo. I cittadini di paesi non europei possono partecipare solo come consulenti o collaboratori.



Quesito n.15  -  Qual'è il sistema innovativo di trasporto cui si fa riferimento e quale tracciato dovrà seguire all'interno delle aree di risulta?

Il sistema innovativo di trasporto al quale ci si riferisce è quello previsto dal PUM alla cui relazione e tavole si rinvia. Per quanto riguarda il tracciato si possono seguire le indicazioni del PUM ma anche proporre soluzioni alternative secondo le libere scelte progettuali.



Quesito n.16  -  In relazione all'art.6 del bando (Esclusione e incompatibilità) "... non è altresì ammessa la partecipazione al concorso a: ... i consulenti dello stesso ente con contratto continuativo; ".
Se un componente del gruppo di progettazione diventasse consulente dello stesso ente con contratto continuativo, ma dopo la data del 2 luglio 2004 alla scadenza del bando, permane la clausola dell'incompatibilità e quindi non può far parte del gruppo di progettazione?

Le clausole di incompatibilità permangono per tutta la durata della procedura, cioè fino alla conclusione dei lavori della Commissione Giudicatrice e la comunicazione dei risultati del concorso. La conclusione del concorso è prevista non oltre il 17 settembre 2004.



Quesito n.17  -  Nell'art.37 delle Norme Tecniche, a pag. 36 vengono specificate le destinazioni d'uso possibili (culturali e commerciali) per le zone sottostanti l'impalcato ferroviario. Tali destinazioni possono interessare anche i volumi attualmente occupati dal terrapieno? Cosa si intende per limite del 50%? Queste aree sono aggiuntive rispetto al limite massimo del 10%?

Per quanto riguarda le aree sommerse del rilevato ferroviario ci si deve attenere alle indicazioni fornite in sede di Bando e di Documento Preliminare alla progettazione che ipotizzano un eventuale recupero delle stesse aree, compatibilmente con le singole scelte progettuali ed i relativi studi economici, da destinare a una quota di parcheggi o al terminale bus o a parte di esso. Consigliamo di non attenersi scrupolosamente alle indicazioni fornite dalle NTA del PRG in quanto di fatto integrate e superate dalle indicazioni del Bando di Concorso ed a breve anche dalla revisione delle norme stesse in sede di variante al PRG.



Quesito n.18  -  La collocazione di attività culturali nello spazio a nord, sottostante l'impalcato, suggerirebbe la collocazione della mediateca in questa parte dell'area: esiste quindi una collocazione preferenziale della mediateca o il suo inserimento è da intendersi quale risultato della progettazione complessiva a scala urbana?

Per l'impalcato ferroviario si ribadisce quanto sopra, pertanto si conferma che non vi è una collocazione preferenziale per l'edificio della mediateca-bibilioteca.



Quesito n.19  -  Nelle schede del vincolo riferito all'ex stazione e serbatoio si ribadisce la non edificabilità delle aree sottoposte a vincolo; al contario, mi sembrava di aver dedotto dalle risposte una certa libertà in merito all'edificazione sulle stesse aree vincolate: si può o meno costruire in prossimità degli edifici esistenti e sull'area soggetta a vincolo?

Si conferma la libertà delle scelte progettuali di costruire o meno nell'area sottoposta a vincolo ex L.1089/39, in prossimità degli edifici esistenti.



Quesito n.20  -  Le vedute prospettiche da presentare insieme alle altre 3 tavole grafiche A0 sono vincolate alle foto allegate al bando oppure possono essere variate almeno come altezza del punto di vista?

Le vedute prospettiche, per l'importanza che rivestono nell'illustrazione del progetto, non sono vincolate all'inserimento nelle foto allegate al bando. In coerenza con le scelte progettuali i progettisti potranno variare le altezze dei punti di vista proposti, come peraltro suggerito dal quesito.



Fine dei quesiti.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  

   

 


Segreteria del Concorso:
Città di Pescara - Area Urbanistica
Piazza Duca D'Aosta, 10 - 65121 PESCARA (ITALIA)
Tel: +39 085 42 83 790 - fax: +39 085 42 83 563
areadirisulta@comune.pescara.it




HOME PAGE