Concorsi


EGINA 2004


 


I PROGETTI PREMIATI - 1°  Classificato
 

motto: EGINA 2004

progettisti:
- MONESTIROLI ARCHITETTI ASSOCIATI (arch. Tomaso Monestiroli) capogruppo
- arch. Massimo Ferrari
- arch. Marialaura Polignano
- BMS Progetti srl - Milano (ing. Aldo Bottini, ing. Nicola Antonio Malatesta, ing. Sergio Sgambati)
- SYSTEMATICA spa Milano (arch. Fabio Casiroli, arch. Giulio De Carli, arch. Leonardo Cavalli)
- ACTA srl Torino (ing. Franco Rubini)

consulenti:
- arch. Antonio Monestiroli

collaboratori:
- Marco Alesi (disegnatore CAD e realizzazione modello)
- Giuseppe Borzellieri (disegnatore CAD e realizzazione modello)
- arch. Fabio Casiroli Sistematica spa ( pianificazione dei trasporti)
- arch. Michele Pugliese Sistematica spa (progettazione parcheggi)
- ing. Claudia Ponti Sistematica spa (verifiche trasportistiche e studi di traffico)
- ing. Franco Rubini ACTA srl (impianti fluidomeccanici)
- ing. Mario Rubini ACTA srl (impianti elettrici e speciali


Relazione sintetica

L'idea centrale del nostro progetto è quella di piantumare un bosco. Un bosco al limite della città centrale che ne segna un confine, un bosco di piante ad alto fusto disposte ordinatamente in filari paralleli alla costa adriatica.
La stazione ferroviaria punto di relazione con l'area metropolitana adriatica, si troverà al limite del bosco. Dalla stazione per andare al centro città, poi al mare, si dovrà attraversare il bosco. Tutte le infrastrutture viabilistiche (strade, parcheggi, modalità di interscambio) dovranno assoggettarsi alla presenza del bosco, così come la nuova grande struttura culturale (biblioteca, mediateca, spazio esposizioni e dibattiti) sarà costruita nel bosco.
Questa premessa, chiaramente suggerita dal bando di concorso, ci ha portato a definire l'impianto generale dell'edificio culturale.
L'edificio per la cultura è un luogo del bosco. E' il bosco stesso che in quel punto diventa edificio e il suo interno altro non è se non una radura protetta da un grande tetto sorretto da due recinti di pilastri che continuano i filari degli alberi.
In quella radura, luogo di incontro circondato dai libri di un'intera provincia, si svolgono le più diverse manifestazioni culturali, dalle mostre ai dibattiti, dalle conferenze alle proiezioni di video, ecc.
Una grande piazza coperta percorribile su tre diversi livelli: a terra in un grande spazio indiviso aperto alle attività più diverse, su un primo ballatoio dove compaiono parte dei libri raccolti nella biblioteca e ad un secondo livello destinato alle esposizioni da cui è possibile vedere allo stesso tempo il grande spazio all'interno dell'edifico e il bosco in cui l'edificio è collocato. Una serie di percorsi collegati fra loro che consentono un chiaro riconoscimento del luogo in cui si è riuniti e dei suoi significati.
La speranza è che gli elementi che si depositano nella memoria collettiva diventino il bosco, di cui la struttura dell'edificio vuole essere allegoria, e quella piazza coperta luogo di incontro di tutti i cittadini a cui si accede oltrepassando una serie di recinti concentrici ognuno con un suo ruolo e un suo significato. Dal recinto più
esterno, i pilastri perimetrali che delimitano l'edificio, alla seconda fila di pilastri che accoppiati ai primi sorreggono il grande tetto sopportandone il peso maggiore, al recinto in pietra traforato per filtrare la luce nella biblioteca ,fino al recinto più interno su due piani sfalsati e sovrapposti, punto di arrivo per chi si incontra in quel luogo e grande atrio per chi è diretto alla biblioteca.
Attraversare uno dopo l'altro i recinti successivi, percorrendo lo spazio compreso fra loro, rende prezioso il punto di arrivo, si genera un senso di attesa che amplia il significato del luogo, quel significato che il luogo stesso con la sua forma conclusa deve saper evocare.


Tavole progettuali

tav 1a


tav 1b


tav 1c


tav 1d


tav 2a


tav 2b


   
tav 3a


tav 3b


   
tav 4a


tav 4b


tav 4c


 
scarica tutte le tavole (7.726 Kb)

 

Gli altri progetti premiati:

Smarrito nell'attraversamento

Maa Lia

Stellium 2004

 


Segreteria del Concorso:
Città di Pescara - Area Urbanistica
Piazza Duca D'Aosta, 10 - 65121 PESCARA (ITALIA)
Tel: +39 085 42 83 790 - fax: +39 085 42 83 563
areadirisulta@comune.pescara.it







HOME PAGE