Ti trovi in:  Home servizi cittadino pagare le tasse: indice
 

Pagare le tasse


INDICE


 
 
 
 
 
SI COMUNICA che con delibera di consiglio comunale n° 65 del 09/04/2019 avente ad oggetto: "Costituzione della Società Adriatica Risorse s.p.a. in house providing per la gestione del ciclo completo della riscossione del Comune di Pescara..." il Comune ha affidato alla società dal 01/06/2019 l'attività di gestione e riscossione dei Tributi e di altre entrate di pertinenza comunale e relative attività accessorie e complementari 
 
 
Adriatica Risorse S.p.a. in house providing
GESTIONE ENTRATE PER IL COMUNE DI PESCARA
P.IVA. 02259820682
Via Venezia, 10 - 65121 PESCARA (PE)
 
 
Orari di Apertura al pubblico degli Uffici :
Martedì e Giovedì:  ore 8:30 - 12:30,  ore 15:00 - 16:30
Lunedì Mercoledì e Venerdì è aperto solo lo sportello "INFORMAZIONI" ore 8:30 - 11:30
Numero di telefono:  085/4283800
 
 
 
 
 
 

DEFINIZIONE AGEVOLATA DELLE ENTRATE NON RISCOSSE A SEGUITO DELLA NOTIFICA DELLE INGIUNZIONI DI PAGAMENTO AI SENSI DELL’ART. 15 D.L. N. 34 DEL 30/04/2019 CONVERTITO IN LEGGE N. 58/2019
 
L’art.15 D.L. 30/04/2019 n. 34 conversione con L. 58/2019 “Estenzione della definizione agevolata delle entrate regionali e degli enti locali” ha previsto per gli Enti Locali la possibilità di disporre la definizione agevolata delle proprie entrate, anche tributarie, non riscosse a seguito di provvedimenti di ingiunzione di pagamento di cui al regio decreto n°639 del 1910, notificati dall’anno 2000 fino al 2017.

Il comune di Pescara con Delibera Consiliare n.93 adottata nella seduta del 01/07/2019, ha approvato l’unito regolamento che ha fissato gli elementi essenziali per la definizione, nello specifico:
-    le modalità di presentazione dell’istanza e il termine ultimo per fruire della sanatoria;
-    il numero massimo di rate e le relative scadenze, con l’indicazione che l’ultima non può andare oltre il termine del 15 settembre 2021;
-    la pendenza di giudizi aventi a oggetto i debiti ai quali si riferisce l’istanza, con la dichiarazione espressa di rinunciarvi;
-    il termine entro il quale l’ente territoriale o il concessionario comunicano ai debitori le somme dovute.

Il contribuente dal punto di vista dell’esborso effettivo provvederà al pagamento integrale:
-    delle somme ingiunte a titolo di imposta e interessi (maggiore imposta evasa e interessi);
-    delle spese relative alla riscossione coattiva;
-    delle spese relative alla notifica dell’ingiunzione di pagamento;
-    delle spese relative alle eventuali procedure cautelari o esecutive sostenute;
-    di quelle maturate a favore del concessionario della riscossione a titolo di aggio.
L’istanza sospende i termini di prescrizione e decadenza per il recupero delle somme che formano oggetto di definizione.

L’omesso, insufficiente o tardivo versamento dell’unica rata o di una delle rate impedisce il perfezionamento della definizione e consente all’ente creditore il recupero immediato di quanto risulti ancora dovuto.

I versamenti già effettuati dai debitori si intendono riscossi a titolo di acconto dell’importo complessivamente dovuto.
Per aderire alla definizione agevolata, i contribuenti interessati devono presentare l'apposita  istanza entro il termine del 01/10/2019, utilizzando il modello appositamente predisposto dall’Ente.

modello di adesione

 
 

 
 
DEFINIZIONE AGEVOLATA DELLE CONTROVERSIE TRIBUTARIE PENDENTI
 

Con delibera di Consiglio Comunale n. 47 del 29 Marzo 2019, il Comune ha approvato il “Regolamento per la definizione agevolata delle controversie tributarie pendenti”.

I contribuenti che vorranno aderire dovranno presentare, entro il 31 Maggio 2019, una distinta domanda di definizione agevolata per ogni singolo atto impugnato, anche in caso di ricorso cumulativo, ed entro la stessa data dovranno effettuare il versamento dell’importo dovuto, calcolato seguendo le istruzioni contenute nel modello di domanda di definizione e nel Regolamento Comunale.

Nel caso di importi non superiori a 1000 (mille) euro occorrerà effettuare un unico versamento.

Per importi superiori è previsto, ove richiesto, il pagamento rateale fino a 20 rate trimestrali con la prima rata da versare entro il 31 Maggio 2019, mentre il termine di pagamento delle rate successive alla prima è fissato al 31 Agosto - 30 Novembre - 28 Febbraio e 31 Maggio di ciascun anno a partire dal 2019. Sulle rate successive alla prima, si applicano gli interessi legali calcolati dal 1 Giugno 2019 alla data del versamento. (V/articolo 5 del regolamento)

Si precisa che il calcolo dell’importo dovuto deve essere effettuato con riferimento al singolo atto di accertamento impugnato, anche nel caso di ricorsi cumulativi.
 

Regolamento per la definizione agevolata delle controversie tributarie

Delibera di C.C. n.47/2019

  
 
 
 
 
DEFINIZIONE AGEVOLATA DELLE ENTRATE NON RISCOSSE A SEGUITO DELLA NOTIFICA DELLE INGIUNZIONI DI PAGAMENTO AI SENSI DELL’ART. 1 D.L. N. 148 DEL 16/10/2017 CONVERTITO IN LEGGE N. 172/2017
 
L’art.1 D.L. 16/10/2017 n. 148 conversione con L. 172/2017 comma 11 quater recante la “Definizione agevolata delle Entrate regionali e degli Enti Locali” ha previsto per gli Enti Locali la possibilità di disporre la definizione agevolata delle proprie entrate, anche tributarie, non riscosse a seguito di provvedimenti di ingiunzione di pagamento di cui al regio decreto n°639 del 1910, notificati entro il 16/10/2017 o mezzo ruolo mediante cartella ai sensi del D.P.R. 602/73 consegnati da Enti pubblici locali dal 01/01/2000 al 30/06/2006 all'ex Concessionario del servizio nazionale per la riscossione dei tributi.

Il comune di Pescara con Delibera Consiliare n.14 adottata nella seduta del 01/02/2018, ha approvato l’unito regolamento che ha fissato gli elementi essenziali per la definizione, nello specifico:
-    le modalità di presentazione dell’istanza e il termine ultimo per fruire della sanatoria;
-    il numero massimo di rate e le relative scadenze,  con l’indicazione che l’ultima non può andare oltre il termine del 30 settembre 2018;
-    la pendenza di giudizi aventi a oggetto i debiti ai quali si riferisce l’istanza, con la dichiarazione espressa di rinunciarvi;
-    il termine entro il quale l’ente territoriale o il concessionario comunicano ai debitori le somme dovute.
Il contribuente dal punto di vista dell’esborso effettivo provvederà al pagamento integrale:
-    delle somme affidate al concessionario della riscossione a titolo di capitale (maggiore imposta evasa e interessi);
-    degli importi relativi alla eventuale ritardata iscrizione a ruolo;
-    di quelle maturate a favore del concessionario della riscossione a titolo di aggio.
L’istanza sospende i termini di prescrizione e decadenza per il recupero delle somme che formano oggetto di definizione. L’omesso, insufficiente o tardivo versamento dell’unica rata o di una delle rate impedisce il perfezionamento della definizione e consente all’ente creditore il recupero immediato di quanto risulti ancora dovuto. I versamenti già effettuati dai debitori si intendono riscossi a titolo di acconto dell’importo complessivamente dovuto.
Per aderire alla definizione agevolata, i contribuenti interessati devono presentare l'apposita  istanza entro il termine del 15 maggio 2018, utilizzando l’unito modello, appositamente predisposto dall’Ente.
 
 
  
 
 
 
 
DILAZIONI DI PAGAMENTO
 
Con delibera di Consiglio Comunale n. 145 del 21/12/2018 è stato modificato l’art. 40 del Regolamento Generale delle Entrate di natura tributaria relativo alle dilazioni di pagamento.
La nuova articolazione prevede l’avvio di un’istruttoria la cui valutazione varia in funzione della tipologia del debitore. In tal senso è necessario utilizzare la modulistica appositamente predisposta dall’Ente e destinata al richiedente distinto per:
  • persona fisica e ditte individuali
  • persona giuridica (società di capitali, cooperative, associazioni, fondazioni, enti ecclesiastici) e società di persone in contabilità ordinaria
Il nuovo regolamento, ai sensi del disposto della citata delibera consiliare n. 145/2018, decorre a far data dal 1^ gennaio 2019. Sarà applicato, pertanto, alle istanze di nuova acquisizione a partire dalla medesima data e, se più favorevole al contribuente, alle istanze in corso di istruttoria alla predetta data previa integrazione documentale.
 
 
 
 
 
 
 
 

Imposta Unica Comunale - I.U.C. anno 2015

Imposta Unica Comunale - I.U.C. anno 2014 

 
 
 
 






HOME PAGE
ultimo aggiornamento: agosto 2019