Chiedere l'integrazione delle rette di ricovero in servizi residenziali

Chiedere l'integrazione delle rette di ricovero in servizi residenziali

L'integrazione della retta prevede la compartecipazione alla quota sociale della retta per le strutture socio- sanitarie di tipo residenziale convenzionate con la ASL (Residenza Protetta, Residenza Protetta Disabile Adulto, Residenza Sanitaria Assistenziale e Residenza Sanitaria Assistenziale Disabile Adulto).


L’inserimento presso le suddette strutture viene autorizzato dalla UVM-Unità di Valutazione Multidimensionale della ASL competente territorialmente, che individua la tipologia della struttura e la fascia di bisogno assistenziale al fine della determinazione delle quote sanitaria e sociale.

Nel caso in cui la persona che accede alle prestazioni socio-sanitarie, o altra persona per lui, non possa garantire la contribuzione prevista dai tariffari vigenti a livello regionale, può presentare una richiesta di compartecipazione alla quota sociale, che viene corrisposta dal Comune direttamente alla struttura.


I destinatari del contributo sono persone disabili e anziane con un livello di compromissione funzionale tale da non consentirne la permanenza a domicilio o in condizioni di gravissima marginalità prive di alloggio e di rete familiare di riferimento.

Requisiti soggettivi
  • residenza nel Comune di Pescara antecedentemente al ricovero presso la struttura residenziale autorizzata dalla ASL
  • autorizzazione da parte dell’Unità Valutativa Multidimensionale all’inserimento in una struttura di tipo residenziale
  • possesso del modello ISEE socio sanitario residenziale inferiore ad 36.000 €

Servizi

Per presentare la pratica accedi al servizio che ti interessa

Puoi trovare questa pagina in

Aree tematiche: Salute
Io sono: Anziano Disabile
Sezioni: Servizi sociali
Ultimo aggiornamento: 03/01/2022 16:29.49