Promotore dei diritti del cittadino anziano

    Ufficio

    Lunedì: Chiuso
    Martedì: Chiuso
    Mercoledì: Chiuso
    Giovedì: Chiuso
    Venerdì: 15:30-17:00
    Sabato: Chiuso
    Domenica: Chiuso

    Si riceve solo su appuntamento da concordare telefonicamente


    Cosa è

    Il Promotore è una figura uni-personale che:

    • opera in piena autonomia ed indipendenza di giudizio e di valutazione;
    • vigila sull’applicazione della legislazione vigente in materia di tutela degli anziani e, in particolare, in merito al rispetto dei livelli essenziali di prestazioni concernenti i diritti civili e sociali del cittadino anziano;
    • dispone di una sede all’interno della struttura della Presidenza del Consiglio comunale i cui uffici assicurano le funzioni di segreteria e tecniche; può inoltre utilizzare i Locali pubblici comunali come luoghi di ascolto periodico, nonché di altri Enti pubblici che lo acconsentano, a mezzo di apposite convenzioni o accordi, al fine di garantire una più diffusa e articolata presenza sul territorio comunale.

    Il Promotore interviene di propria iniziativa o sulla base di segnalazioni scritte, valutata la fondatezza dell’istanza ricevuta, ove si lamentino disfunzioni, irregolarità, scorrettezze, prassi amministrative anomale o irragionevoli, disfunzioni organizzative o qualunque altro comportamento, anche omissivo, dal quale sia derivato o possa derivare un danno materiale o morale al cittadino anziano. In esito ai fatti rilevati o lamentati, se riferiti all’Amministrazione comunale, il Promotore potrà rivolgere richieste di chiarimenti agli uffici comunali competenti, i quali sono tenuti a rispondere entro venti giorni. In caso di mancata risposta il Promotore metterà a formale conoscenza dell’omissione il Dirigente del settore competente e, dopo che avrà verificato l’ulteriore silenzio per altri 10 giorni, esporrà formalmente i fatti al Sindaco, al Presidente del Consiglio Comunale e al Direttore Generale per gli opportuni rilievi consequenziali. In esito ai fatti rilevati o lamentati, se non riferiti all’Amministrazione comunale bensì ad altre strutture pubbliche o private, il Promotore esporrà formalmente i fatti al Sindaco e al Presidente del Consiglio Comunale proponendo le iniziative ritenute opportune. Il Promotore comunica l’esito dell’attività svolta all’autore della segnalazione, all’ufficio interessato e per conoscenza al Sindaco, al Presidente del Consiglio Comunale, ai Capigruppo, al Presidente della commissione consiliare competente per materia, all’Assessore ai Servizi Sociali e al Dirigente della struttura competente.

    Cosa fa

    • può rivolgere proposte e pareri, indicazioni, raccomandazioni e suggerimenti non vincolanti all’Amministrazione comunale in merito agli interventi in favore o riguardanti la condizione del cittadino anziano;
    • può proporre al Sindaco e al Presidente del Consiglio di rivolgere nei confronti di uffici Statali, Comunali, Provinciali, Regionali o comunque nei confronti di uffici o strutture pubbliche o private che si occupino di erogare prestazione ai cittadini anziani, proposte, indicazioni, raccomandazioni e suggerimenti ai fini di una migliore organizzazione delle strutture preposte all’erogazione dei servizi al cittadino anziano;
    • può segnalare ai servizi sociali e all’autorità giudiziaria le situazioni che richiedono interventi immediati di ordine assistenziale e giudiziario, nonché agli organi comunque competenti eventuali fattori di rischio o di danno per il cittadino anziano, anche con riferimento ai requisiti qualitativi dell’assistenza e dei servizi erogati al cittadino anziano da strutture pubbliche e private del territorio comunale;
    • può proporre iniziative di informazione e di promozione culturale e sui temi dei diritti e delle garanzie dei cittadini anziani;
    • può accedere agli uffici pubblici comunali e controllare la funzionalità dei servizi di assistenza e di informazione resi al cittadino anziano; l’Amministrazione comunale è tenuta a fornire al Garante tutte le informazioni richieste, nel rispetto delle disposizioni in materia nei casi di segreto d’ufficio, le motivazioni degli atti contrastati e a motivare i dinieghi alle richieste effettuate dal Garante;
    • può promuovere e richiedere l’accesso ai documenti e alle banche dati delle strutture sanitarie dipartimentali e trans murali della Città, anche mediante idonee forme di collegamento telematico, con modalità preventivamente concordate con le Istituzioni che li detengono, esclusivamente a titolo gratuito;
    • può verificare il sovraffollamento del reparto di geriatria dell’ospedale di Pescara, con report semestrali e monitorare le iniziative intraprese in merito dagli organi competenti, riferendone periodicamente al Consiglio comunale.

    Chi è Giancarlo Roio

    Giancarlo Roio, sociologo e docente in pensione dal 2015, si è laureato in Sociologia nel 1974 all'Università di Trento. Subito dopo gli studi universitari ha svolto attività sindacale a difesa dei diritti dei contadini in ambito regionale nella Presidenza dell’Alleanza Nazionale Contadini, della Confcoltivatori e della Confederazione Italiana Coltivatori. Successivamente dal 1989, avendo acquisito da autodidatta specifiche competenze informatiche e avvalendosi della equipollenza della laurea in Sociologia con la laurea in Economia e Commercio, abilitato all’insegnamento delle discipline di Informatica e Scienze Umane, ha insegnato da docente precario nelle scuole statali e svolto attività imprenditoriale nell’Itc. Nel 2001 è stato immesso in ruolo per l’insegnamento della disciplina di Informatica a Trento e successivamente a Pescara presso l’Istituto Tecnico Statale “Aterno- Manthonè”. Dopo il cambio di cattedra, avvenuto nel 2005, ha insegnato le discipline di Scienze umane, Sociologia, Psicologia e Filosofia presso il Liceo Statale “G. Marconi” di Pescara, fino al pensionamento.

    L’incarico di “Promotore per i diritti del cittadino anziano” di Pescara è stato conferito formalmente al dott. G. Roio il 2 agosto 2021 ed è derivato da una pubblica selezione di candidature in relazione ad uno specifico bando indetto dal Comune di Pescara nel 2020. La Commissione politiche sociali del Consiglio Comunale ha giudicato la sua candidatura come la più corrispondente ai requisiti richiesti, designandolo quindi per l’elezione in Consiglio Comunale, avvenuta nella seduta straordinaria del 20/07/2021 con delibera n.74. La funzione viene svolta a titolo onorario e di carattere gratuito, della durata di un triennio.

    Il dott. G. Roio, nel perseguire l’obiettivo di assicurare ai propri concittadini anziani la massima qualità di vita e di benessere, in coerenza con i dettami della Costituzione, delle leggi nazionali e comunitarie, del Regolamento istitutivo della figura di “Promotore”, orienterà la propria azione a difesa dei diritti degli anziani per realizzare lo specifico programma di iniziative proposto alle Istituzioni comunali e per conseguire i seguenti obiettivi generali:

    • Elaborare una risposta sociale complessiva delle Istituzioni a favore degli anziani che sia organica, coordinata, integrata evitando inefficienze, disorganicità e ripetitività delle iniziative.
    • Attraverso l’affermazione del “diritto a star bene” degli anziani, favorire lo sviluppo di una cultura ed una coscienza collettiva solidale, sensibile, rispettosa dei più deboli e bisognosi della società.
    • Orientare la scelta nell’offerta dei servizi agli anziani verso le vere priorità, evitando l’orientamento da parte degli Enti di perseguire obiettivi economicistici ed aziendalistici.
    Dipende da:
    Organi istituzionali
    Ultimo aggiornamento: 27/10/2021 10:47.09